non chiamatemi qualunquista

Io credo nelle istituzioni, “mi sporco le mani con la politica”, non critico passivamente, non banalizzo, non criminalizzo alcuni tipi di “privilegio” ma ora basta. Non ce la faccio più. Non sopporto più le ingiustizie, perchè di questo si tratta. Mentre chiedono sacrifici a tutti i cittadini, mentre mangiano il futuro a noi giovani, mentre prelevano metà dello stipendio di mio padre ma non vanno a controllare gli enormi panfili che ormeggiano nei porti del nostro Paese e i conti esteri di paperoni affamati, ora non sopporto più. E anche un menù dai prezzi ridicoli non lo digerisco più. Basta. Basta privilegi. La politica è un’altra cosa. Io la faccio perchè ci credo…e non ci guadagno, ci rimetto. Io sono diverso da voi. E nessuno osi chiamarmi qualunquista.  

Lascia un commento